La vita reale della donna Versace

La settimana della moda è composta da giornate infinite e se vuoi sopravvivere fino alla fine bisogna armarsi dall’inizio di grinta. Tanta grinta. Quella grinta che in un’unica metafora visuale ha la forma della medusa ed in un’unico suono si pronuncia Versace. L’iconico brand italiano, da sempre caratterizzato nel complesso panorama della fashion industry come stravagante ed energico, nella collezione fall-winter 16/17 ha pensato alla donna grintosa più che mai, dandoli la possibilità di sopravvivere alle dinamiche sfrenate delle metropoli senza peccare neanche un po di stile. In un’atmosfera carica di energia dal backstage alla catwalk, chiudi gli occhi e ancor prima di iniziare la sfilata, immagini la camminata veloce di una donna multitasking che esce dall’ufficio e va a darsi una sistemata dal parrucchiere prima di raggiungere le amiche per un dirty martini. Poi la musica inonda tutto, la statuaria Gigi Hadid appare in passerella e capisci che la percezione iniziale non era sbagliata.

versace collection fall winter 2015 2016 milan fashion week

Pezzi assolutamente portabili , focus sul outwear con cappotti oversize dai colori scuri, con dettagli quali zip e panelli ergonomici per renderli funzionali. Funzionalità è la parola chiave, non c’è tempo da perdere in una società che viaggia a suon di social share e sette di affermazione personale. Funzionalità che si traduce anche nei bicker boots, nella new-entry Ryder Bag, borsa dalla struttura morbida a busta che unisce eleganza e confort, nelle camicie dove tessuti come cottone e seta si scontrano energicamente, nei pantaloni dritti stretti alla caviglia prima di scivolare verso il fondo. Abiti di maglia compatta, con maniche lunghe, hanno zip che svelano o nascondono la pelle e maglie a coste chiuse da zip sono la base delle sovrapposizioni.

versace fall winter 2016 2017 shoes

Versace è andata oltre la presentazione di una collezione, creando una brand experience stimolante che appena fuori dall’evento ti fa rivalutare il tragitto sfilata-metro e la corsa verso la prossima presentazione. La strada è la passerella della nuova donna Versace, e con una fierezza incontaminata dalle infinite ore che passa in piedi tra workplace, cura della sua immagine, vita sociale e sentimentale, riscopre un’elemento che a volte il ritmo cosmopolita delle metropoli con il loro corredo rumoroso ti fanno scordare di avere…la grinta.

Dikea Isufi

La settimana della moda è composta da giornate infinite e se vuoi sopravvivere fino alla fine bisogna armarsi dall’inizio di grinta. Tanta grinta. Quella grinta che in un’unica metafora visuale ha la forma della medusa ed in un’unico suono si pronuncia Versace. L’iconico brand italiano, da sempre caratterizzato nel complesso panorama della fashion industry come stravagante ed energico, nella collezione...
" />